PROGETTO SEQUENZE DI TEMPO

Martedì 13 dicembre alle ore 10.00 presso la MEM (Mediateca del Mediterraneo) in Via Mameli 164 a Cagliari, si terrà la conferenza stampa di presentazione del festival Bianco e nero- Sequenze di Tempo.

Il festival Bianco e nero, organizzato dall’associazione Interforma e curata dal critico M. Dolores Picciau è alla sua prima edizione e si propone come un festival delle arti, un appuntamento culturale caratterizzato da incontri, reading, percorsi guidati, laboratori, mostre con artisti provenienti da tutto il mondo che si ritrovano in 4 comuni della Sardegna (Cagliari, Sestu, Uta, Iglesias, Orroli e Bolotana) per vivere un’indimenticabile atmosfera di festa. Al Festival che si svolgerà per tutto il mese di dicembre partecipano, le voci più interessanti della cultura nazionale secondo un’accezione ampia e curiosa della cultura, che punta alla conoscenza di territori e linguaggi lontani dai canoni tradizionali. Abbiamo voluto chiamare il festival Sequenze di tempo come l’opera dello scultore Giovanni Campus che sarà realizzata con la collaborazione degli studenti e verrà collocata in modo permanente a Cagliari nel giardino della Facoltà di scienze economiche, giuridiche e politiche e   potrà essere fruita da tutti e in particolare dagli studenti. La rassegna ha finalità socio – educative su temi vari (istruzione, sostenibilità ambientale e rispetto del territorio, conoscenza e valorizzazione del patrimonio artistico di realtà periferiche e fuori dai circuiti turistici come Uta e Sestu) e intende coinvolgere appassionati, turisti, e giovani studenti delle principali facoltà del capoluogo e gli istituti dislocati nei Comuni coinvolti nell’iniziativa. Il progetto comprende alcuni fasi fondamentali quali:

  • La realizzazione di un’installazione dell’artista sardo Giovanni Campus dal titolo Sequenze di tempo sul tema dell’educazione e del rispetto dell’ambiente, realizzata in sinergia con turisti e studenti, che sarà collocata in modo permanente nel giardino della facoltà di scienze economiche, giuridiche e politiche di Cagliari, che potrà finalmente essere fruito dagli studenti.
  • Un ciclo di attività laboratoriali e seminari sul rapporto tra istruzione, arte, educazione, sostenibilità ambientale, conoscenza e rispetto del territorio che si terrà nei comuni   aderenti all’iniziativa.
  • Visite guidate nei territori e ai monumenti dei paesi coinvolti
  • Incontri con personaggi del mondo del cinema, stampa, scrittura, critica la cui presenza potrà determinare un maggiore flusso turistico nei territori coinvolti .
  • Laboratori sulla fotografia on the road che si svolgeranno nelle principali vie cittadine e dove giovani, turisti   e studenti potranno partecipare a loro volta e fotografare   situazioni che rievocano il tema dell’educazione, del rispetto del territorio e dell’ambiente.
  • Pubblicazione di un volume sulle iniziative e di un cd multimediale con le fotografie realizzate nelle attività on the road lungo le strade cittadine.

L’iniziativa prende l’avvio a Cagliari dalle ore 10 alla Mem dove,  dopo la conferenza stampa di presentazione gli studenti universitari e gli alunni delle classi del liceo classico Siotto Pintor con i loro telefoni e tablet potranno fotografare o realizzare delle immagini su elementi che per le vie cittadine rievocano loro il tema dell’educazione, dell’ambiente e del rispetto del territorio. Gli elaborati verranno poi utilizzati per la realizzazione di una mostra multimediale con le immagini che verranno proiettate sui muri della città.