A Cagliari dal 29 ottobre al 30 dicembre la manifestazione tra arte, ambiente e cultura

Festival Bianco e Nero nel segno delle Visioni concrete di Ermanno Leinardi

Sulla figura dell’artista sardo una mostra antologica, dibattiti, laboratori e un documentario

L’inaugurazione dell’esposizione il 29 ottobre – ore 17 – al Centro comunale d’arte e cultura Il Ghetto

Oggetto della pittura non è più descrivere la storia poiché la si trova nei libri. Noi ne abbiamo un concetto più alto. Con la pittura l’artista esprime le proprie visioni interiori. (Henri Matisse 1909). 

A partire dal 29 ottobre , giorno in cui prende il via la V edizione del Festival Bianco e Nero di Cagliari, il Centro comunale d’arte e cultura il Ghetto (via Santa Croce 18 Cagliari) ospiterà la mostra antologica Visioni concrete (1954-2004) di Ermanno Leinardi. L’esposizione, curata dalla storica dell’arte Maria Dolores Picciau e fortemente voluta dagli eredi dell’artista (Raul, Viviana, Tiziana e Monica Leinardi) sarà visitabile fino al 15 novembre e accompagnata da un documentario sulla figura dell’artista sardo firmato dal regista Antonello Carboni. Le opere di Leinardi, promotore della Avanguardie storiche, dal primo dicembre 2020 al 31 gennaio 2021 verranno poi esposte anche negli spazi dell’aeroporto di Cagliari -Elmas, ad Oristano, Sassari e Roma.

Visioni concrete presenta tutta la produzione pittorica di Ermanno Leinardi (Pontedera 1933- Calasetta 2006) con 60 opere che ripercorrono l’intera produzione dell’artista dal 1954 al 2004. L’esposizione ricostruisce l’itinerario artistico di Ermanno Leinardi, che dagli esordi figurativi espressionisti, vicini a Matisse procede lungo le direttrici dell’informale prima e dell’astrattismo geometrico poi, sino alla scoperta della forma ellittica O, gli studi sugli spazi impossibili, definiti ambigui, e gli inganni percettivi determinati dal posizionamento delle figure geometriche sulla pagina bianca della tela. L’artista ha rappresentato per la città di Cagliari e per la Sardegna un simbolo della rivoluzione estetica portata avanti nei decenni Sessanta, Settanta da quei movimenti d’avanguardia, che nell’isola come in altre parti d’Europa, sono stati il megafono di un rinnovamento del linguaggio e dei canoni estetici legati ancora a rappresentazioni figurative. A quella frattura Leinardi arrivò nel 1960, dopo un tormentato periodo di silenzio ed essere rimasto folgorato dalle opere di Jean Fautrier alla Biennale di Venezia. Di quel periodo l’artista scrisse: ”Mi sconvolse Fautrier, di cui vidi 6 disegni a penna che mi hanno aperto un mondo che non conoscevo. Erano figurativi, ma il valore del segno prescindeva dalla figura. Ricordo forme femminili appena accennate che cantavano sul bianco del foglio”. Da quel momento Leinardi sposa completamente l’idea di un’arte logica, matematica, rigorosa che strizza anche l’occhio alle variazioni poetiche, di luce, spazio, colore, sperimentando varie tecniche come pittura a olio, acrilico, acquerello, grafica. Dopo aver accresciuto la notorietà internazionale grazie a importanti occasioni espositive a Zurigo, Francoforte, Lucerna, Parigi, in un dialogo sempre aperto tra la sua terra e il panorama internazionale e aver stretto amicizia con la critica italiana e d’oltralpe, Leinardi trascorre gli ultimi anni di vita a Calasetta dove nell’ex mattatoio riesce a creare un museo di arte concreta che racchiude una parte cospicua della sua collezione personale con le opere di Mario Radice, Philippe Morrison, Jean Leppien, Bice Lazzari, Max Huber, Lucio Fontana, tra gli altri.

Leinardi ha continuato anche negli ultimi anni di vita a battersi per un’arte severa, intransigente e rigorosa, puntando sul risveglio di un’isola ancora molto sonnolenta, e su un museo dal respiro internazionale come preludio di rinascita, che nel tempo ha perso completamento la vocazione e la linea che Leinardi aveva inteso e progettato. 

Il 6 novembre (alle ore 18) si terrà la Conferenza on-line su Ermanno Leinardi e il movimento concreto europeo. I rapporti tra l’artista e le Avanguardie storiche sarà il tema al centro del dibattito a cui parteciperanno il figlio Raul, gli storici dell’arte Claudio Cerritelli e Gianni Murtas, gli artisti Tonino Casula, Giovanni Campus, Angelo Liberati, Ugo Ugo. 

L’antologica, aperta da uno straordinario disegno a china , un ritratto dell’artista firmato da Maria Lai nel 1978,  proseguirà con importanti integrazioni all’aeroporto di Cagliari – Elmas, a Oristano, Sassari e Roma, secondo Maria Dolores Picciau  ”è un’immagine simbolo di come l’arte avvicini, in questo momento critico, e sia fondamentale per un rilancio della vita culturale del nostro Paese”.

L’ingresso alla mostra, visitabile dal martedì alla domenica 9-13 / 16-20.

 (rimarrà chiusa il lunedì) è consentito ad un massimo di 10 visitatori ogni ora.

È preferibile prenotare i biglietti  cliccando sul seguente link  https://forms.gle/sPTK9rh9E8REorK97

Per la biografia della curatrice www.mariadolorespicciau.it