Si  svolgerà mercoledì   6 novembre  alle ore  17.30 nella Sala conferenze dello Spazio Search   nel Largo Carlo Felice 2 a Cagliari la conferenza stampa di presentazione del Festival bianco e nero  IV  edizione, alla presenza dell’assessore  alla cultura e al verde pubblico Paola Piroddi,  della direttrice del festival M. Dolores Picciau, dello storico dell’arte Claudio Cerritelli e dell’artista Vincenzo Satta. 

Argonauti dell’altrove, ovvero i  sardi emigrati in Italia e nel mondo  è il titolo della IV edizione del festival Bianco e Nero,  un appuntamento culturale ad alta valenza sociale e pedagogica,  che si muove  grazie alla sinergia di più attori, agli accordi con diversi attori istituzionali, produttivi e sociali, ed è declinato attraverso varie attività come conferenze, laboratori, reading, contest. 

Bianco e Nero è un festival  che coniuga arte,  ambiente, società, cultura   attraverso un cartellone ricco e variegato che dal  6 novembre  al 10 dicembre, grazie al gemellaggio con Cagliari paesaggio,  si svolgerà a Cagliari, Sadali e Orroli. 

Il festival Bianco e Nero, curato  da M. Dolores Picciau, è alla sua quarta edizione e si propone come una rassegna sul rapporto arti/società. 

Mercoledì 6 novembre  ore 18.00 

Insieme alla conferenza stampa  del Festival Bianco e nero verrà inaugurata la mostra di Vincenzo Satta La   forma e la mente, oltre settanta opere e una grande tela 130 x 200 del 2002/2003. Si tratta di opere su carta che  sono state realizzate da  Vincenzo Satta in  quarant’anni di attività. Si tratta di un viaggio mentale, di un diario intimo, privato, segreto che  ha camminato per decenni in parallelo con  i dipinti su tela. La mostra curata da da Maria Dolores Picciau  e Claudio Cerritelli, resterà aperta sino al 10 dicembre. 

Realizzazione di un museo all’aperto 

Venerdì  8 novembre  ore 18.00 

Lo studioso Alberto Contu, l’ingegnere  Francesco Colamatteo  e il critico M.Dolores Picciau (ideatrice del museo all’aperto per Cagliari)  parleranno del progetto di riqualificazione  del capoluogo con la realizzazione di murales  nel quartiere di San Michele e  di alcune installazioni/sculture  di  Piera Legnaghi, Italo Lanfredini, Mirella Saluzzo, che saranno collocate nel Parco degli Anelli del quartiere di Sant’ Elia.

Queste opere andranno  ad aggiungersi alle sculture realizzate lo scorso anno da  Giovanni Campus, Ivan Bolanos Jarez, Cateno Sanalitro primo nucleo di  un grande museo all’aperto per Cagliari ideato da M.Dolores Picciau. 

Conferenza sul tema dei sardi emigrati 

Aerei, treni, navi  sono i simboli di una regione che si sta spopolando sempre di più. Sono viaggi che non hanno frontiere, che oltrepassano i confini, che spesso non offrono ritorni. E sono soprattutto i giovani a emigrare e a lasciare famiglie e cose per cercare mete più lontane e più promettenti. Questa migrazione impietosa, triste,  inesorabile, ma anche densa di opportunità, è il tema che accompagna la quarta edizione del festival Bianco e Nero. Per dare voce a chi è partito e non è tornato più, a chi  dopo aver guardato altrove ha deciso di  rientrare per lanciare una nuova scommessa  e cogliere le opportunità, che il territorio può offrire. Radici, sradicamento , identità accompagnano questo viaggio, assieme ad una riflessione più complessiva delle ragioni dello stare nel mondo. 

Sabato 9 novembre  dalle 9.30 alle 20.00 allo Spazio Search ((Largo Carlo Felice 2 a Cagliari ) a parlare saranno alcuni sardi  che  da “emigrati” si sono affermati in diverse professioni(cinema, design, economia, giornalismo).  Ospiti della giornata saranno la sindacalista di Uiltec Daniela Piras che ha portato avanti importanti battaglie per tutelare i lavoratori di Alcoa e di altre industrie a rischio chiusura; il costumista  Alessandro Lai, vincitore del “Nastro d’Argento” nel 2003 per Senso ’45 e la nomination al David di Donatello nel 2010 per Mine vaganti; Lai  che vive da diversi anni nella capitale  sarà intervistato dalla giornalista (Rainews 24) Anna Trebbi. Gianmaria Fara presidente di Eurispes risponderà alle domande di Nicoletta Cottone (Il Sole 24 ore),  mentre Carolina Melis designer per importanti agenzie internazionali in America e Inghilterra, risponderà alle domande di Paolo Di Giannantonio (Tg 1). A parlare della loro esperienza fuori dai confini regionali  saranno Alessandro Melis, direttore del Padiglione Italia della Biennale di Architettura 2020,  il regista Antonello Grimaldi,  il giornalista e attuale direttore di Agi Mario Sechi. 

Domenica 10 novembre ore 9.30/14.00  dopo i saluti delle Autorità, parleranno i rappresentanti dei circoli dei sardi, Serafina Mascia, Presidente della Fasi,  mentre dalle 11.30 il giornalista Paolo di Giannantonio intervisterà  Nico Piro (inviato del TG3) che presenterà il suo nuovo libro   su Afghanistan,  guerra, emigrazione. Si tratta del secondo capitolo di Afghanistan missione incompiuta (2001-2015) un viaggio attraverso la guerra in Afghanistan.

La giornata si concluderà con la premiazione  degli studenti  che hanno partecipato ai contest sui social sul tema dei sardi emigrati. 

Sabato 16 e domenica 17 novembre  il festival si sposterà rispettivamente a Sadali e a Orroli.